Teatro Mascheranova serata d'apertura 29 settembre, Stagione 2019/20Campagna abbonamenti per la stagione teatrale 2019/2020 presso il Teatro Mascheranova

Home

Campagna Abbonamenti 2019/2020

Abbonamenti Stagione Teatrale 2019/2020

Il Teatro Mascheranova, realtà culturale attiva tutto l’anno nel Comune di Pontecagnano Faiano, inaugura nel mese di Ottobre la stagione teatrale 2019/20. Quest’anno più di sempre, Mascheranova e LIVE, le due Associazioni che gestiscono lo spazio, hanno lavorato perché il cartellone risultasse vario, interessante, divertente e quindi, gradito al pubblico.

 

Valido sia nelle occasioni di incontro con grandi autori, come nel cogliere le capacità di artisti emergenti e stimolanti che offrono al Teatro talento e linfa vitale.

 

 

Intero :

  • 9 Spettacoli
  • Ingresso gratuito al cineforum del Lunedì
  • Riduzione per gli spettacoli fuori abbonamento (i monologhi di Gennaio)
  • € 65,00

Ridotto Studenti :

  • 9 Spettacoli
  • Ingresso gratuito al cineforum del Lunedì
  • Riduzione per gli spettacoli fuori abbonamento (i monologhi di Gennaio)
  • € 45,00

Ridotto Studenti (4 spettacoli) :

  • 4 Spettacoli
  • Ingresso gratuito al cineforum del Lunedì
  • Riduzione per gli spettacoli fuori abbonamento (i monologhi di Gennaio)
  • € 25,00

Pubblicato il

5 OTTOBRE ORE 21 - 6 OTTOBRE ORE 19:30

Chiromantica ode telefonica agli abbandonati amori

 

di e con Roberto Solofria e Sergio Del Prete

 

“Chiromantica ode telefonica agli abbandonati amori” è tratto dalle opere di Enzo Moscato, Giuseppe Patroni Griffi, Annibale Ruccello e Francesco Silvestri.

 

Opere che hanno come caratteristica comune quella di creare personaggi in grado di esplorare al di là del sessuale ordinario, con tutte le implicazioni sociali e politiche che comporta. Sono autori che si sono fatti interpreti del mondo che circonda il teatro napoletano intorno agli anni ‘80. Parliamo di personaggi che masticano pensieri e rigurgitano fantasmi, ai quali si finisce per attribuire una consistenza credibile perché aderenti alla realtà sociale che ci circonda.

 

Parliamo di travestiti, di prostituzione e di una grande ossessione: l’amore. E lo facciamo attraverso il teatro. Il nostro scopo è quello di mettere insieme i segni di quella profonda intimità dell’animo umano che i drammaturghi in questione sono riusciti a portare nelle loro opere. Per questo riteniamo che l’esperienza civile e artistica legata allo spettacolo possa accrescere il valore della differenza nella nostra società.

 

Pubblicato il